Ideare casa
Home » Architettura ed Interior » Locali commerciali » Vacanza in Cina nel Resort Naked Retreats

Vacanza in Cina nel Resort Naked Retreats

Indubbiamente ci piacerebbe trascorrere delle vacanze o week-end nel verde lussureggiante in Moganshan, in Cina. Ci si può recare per una vacanza rilassante e confortevole nel Resort Naked Retreats. Si potrà avere un contatto diretto con la natura, lontano da casa. E’ un luogo lontano dalla città e dalla sua caoticità, è nato da due anni e si trova esattamante a due ora da Shanghai. E’ molto lontano dalla città, affinchè si possa dimenticare il degrado ambientale portato dall’uomo con il progresso. La fuga nel verde della Cina si trova tra le montagne dove si estendono chilometri di vergini foreste di bambù. Questa posizione è stata data dalla concessione Horsfield, perchè qui si può godere di un rifugio lontano dalle fabbriche e senza limiti, con un aria molto salubre.

Secondo l’architetto, Delphine Yip-Horsfield, La Riserva è molto più di un resort di lusso e non potevo essere più d’accordo. Non è certamente un luogo ordinario per un albergo e per l’ospitalità dei clienti, è davvero molto particolare e c’è molto da scoprire. E’ un luogo per comunicare ed entrare in simbiosi con la natura. Il progetto architettonico si trova su 60 ettari e ospita 121 camere.

Il proprietario – Grant Horsfield – ha richiesto l’aiuto di designer di diversa provenienza. La moglie viene da Hong Kong, mentre lui viene dal Sud Africa sono entrambi d’accordo sull’importanza di elementi estetici di design – sia il proprietario che gli stessi progettisti sono accomunati dall’amore per l’ambiente.

Il proprietario del resort dirà: amo i Rifugi della Terra che sembra essere stata scavata direttamente dal terreno. Con un materiale speciale sono stati costruiti e “stabilizzando e isolando la terra battuta”. Questo materiale è una miscela della terra proveniente dal terreno locale e armato con il cemento e circonda solo un nucleo della struttura che rimane isolata. I Rifugi a Terra sembrano del tutto naturali e le pareti sono di 18 centimetri di spessore, forniscono l’isolamento sufficiente, ma alquanto impressionante. Il design dedicato all’ospitalità sta cercando di essere il primo grande impulso per essere sempre in linea con le esigenze delle persone, il resort ha ricevuto il riconoscimento e la certificazione LEED.

Sono stati utilizzati i 30 migliori alberi per realizzare le ville galleggianti, rendendo l’intero luogo un’opera d’arte. Le ville sono costruite su di un pendio che si erge su palafitte costruite con pannelli coibentati strutturali. Tutta l’intera costruzione è interessata all’importanza di rendere l’istituzione sostenibile senza sacrificare le sue qualità estetiche raffinate.

Il concetto di interior design è stato sviluppato realizzando una simbiosi e una coesione fra lo stile afro-asiatico, questo dipende dalla provenienza dei coniugi progettisti.   Il design asiatico è immediatamente visibile, il genere minimalista nello stile è il protagonista dello stesso progetto.