Ideare casa
L’impianto elettrico – Ristrutturare casa
Home » Ristrutturare casa » L’impianto elettrico – Ristrutturare casa

L’impianto elettrico – Ristrutturare casa

Progettato su misura per le esigenze dell’utente, deve già prevedere tutti gli allacciamenti, per non dover intervenire in un secondo tempo con inevitabili disagi e un aumento non indifferente dei costi.  Nella ristrutturazione, l’impianto elettrico viene spesso modificato rispetto a quello esistente e per legge ogni proprietario è tenuto ad adeguarlo alla normativa in vigore. Per impianti semplici non è necessaria una progettazione particolare e sarà lo stesso elettricista a decidere con il proprietario le modifiche da apportare, preoccupandosi di realizzare un impianto a norma di legge. Oggi gli impianti, sempre più complessi, hanno sistemi di controllo di tutte le diverse funzioni della casa attraverso la gestione remota, come per esempio dal cellulare o dal computer dell’ufficio. Sarà l’architetto, dopo averlo concordato con il cliente, a decidere dove disporre tutte le luci e le prese basse che possono essere inserite nello zoccolino e alte, in cucina e bagno, con le dovute precauzioni e a disegnarne lo schema di progetto.

Un esempio? Si può attivare la lavapiatti con il telefonino, oppure accendere tutte le luci e lo stereo qualche minuto prima di entrare in casa. E ancora, abbassare tutte le tapparelle e spegnere le luci da un unico interruttore posto accanto alla porta d’ingresso, prima di uscire. In ogni caso l’impianto elettrico è nascosto e le sue parti visibili sono l’intettutore e la sua placca, che sono proposte in molti materiali e finiture. Alla fine dei lavori, l’elettricista è tenuto a rilasciare la certificazione obbligatoria con cui attesta che l’impianto è stato realizzato a regola, ossia rispettando le leggi.

Questo impongono ad esempio la distanza minima di cm 60 da un interruttore a un punto acqua o l’obbligo di prevedere prese stagne su balconi o terrazzi. Questo documento è indispensabile all’architetto per ottenere il certificato di fine lavori e, se occorre, quello d’agibilità dell’abitazione.

Le fasi della lavorazione

  1. Ristrutturare casa
  2. Gli infissi: esterni ed interni, dalle finestre alle porte
  3. I lavori di muratura: per definire gli spazi e configurare l’abitazione
  4. L’impianto idraulico: per bagni, cucina, eventuali spazi esterni
  5. I pavimenti & i rivestimenti: per impostare le scelte di stile della casa
  6. Prima & dopo: come ristrutturare una casa di campagna
  7. Prima & dopo: ristrutturare e arredare una cucina moderna
  8. Ristrutturare una casa in legno
  9. Ristrutturazione: prima e dopo di una casa di montagna

58 comments