Ideare casa
Home » Consigli per la casa » Ricevere ospiti secondo il galateo

Ricevere ospiti secondo il galateo

20 consigli utili per organizzare una cena secondo il galateo, senza dimenticare poi le regole da rispettare quando si hanno ospiti, anche in occasioni molto formali.

    • Prima di scegliere il menu da preparare, è sempre bene informarsi con discrezione su eventuali allergie o intolleranze alimentari degli ospiti che si invitano.
    • I bicchieri in tavola devono essere come minimo due, uno più grande per l’acqua e uno per il vino: vanno sistemati un pò a destra del piatto, quello dell’acqua all’interno, davanti al coltello, quello da vino affiancato verso l’esterno. Se vengono serviti più vini, per esempio un bianco per il pesce e un rosso per la carne, si pone il bicchiere più piccolo, da vino bianco, all’estremità, dopo gli altri due. Anche per lo spumante e il vino da dessert bisogna prevedere il bicchiere adatto, flute o coppa: si può anche portare a tavola solo nel momento in cui serve, dietro tutti gli altri.
    • Per una cena più formale bisogna prevedere i segnaposti alternando un uomo e una donna.
    • Evitare di sperimentare nuovi piatti quando si hanno ospiti, perché anche le ricette che sembrano semplici possono riservare qualche inconveniente.
    • Illuminare con una buona luce diffusa tutte le zone del soggiorno, soprattutto l’area pranzo. In particolare, per il tavolo sono indicate lampade a sospensione, la cui luce valorizza l’apparecchiatura e i piatti che vengono serviti.
    • Può essere un’idea carina quella di far trovare il menu in tavola agli ospiti: se si ha una bella calligrafia scriverlo a mano, altrimenti usare il computer, scegliendo i caratteri graziati.
    • Appuntare in un notes il menu scelto e le persone invitate, per evitare di riproporre in altre occasioni le stesse portate, salvo specifiche richieste.
    • A capotavola dovrebbero sempre sedere i padroni di casa; alla destra della padrona di casa l’invitato più importante, mentre l’invitata più rilevante dovrebbe stare accanto al padrone di casa.
    • Per una cena elegante scegliere una tovaglia sobria con tovaglioli in tinta, per un incontro informale si possono abbinare tovaglioli di colore diverso.
    • Il tovagliolo va posto sul piatto o a lato sulla sinistra, accanto alle posate. Piegarlo in modo semplice a triangolo o rettangolo, osando piegature più complesse soltanto se il risultato è perfetto.
    • Il coltello, con la lama verso l’interno, e il cucchiaio vanno sulla destra del piatto, la forchetta a sinistra. Appoggiare le posate accanto al piatto nell’ordine con cui saranno utilizzate: le più estreme sono quelle che si useranno per prime.
    • Le posate del dessert vanno sistemate davanti a ogni piatto, oppure al momento del dolce si possono portare in tavola insieme ai piattini o alle coppette.
    • I sottopiatti sono eleganti da lasciare sempre in tavola come base per i piatti piani e fondi, ma vanno portati via prima di frutta o dessert.
    • Se si vuole rendere più formale la tavola, il pane per ciascun ospite va appoggiato in un piattino a sinistra del piatto, in alto.
    • Prima di servire il dessert togliere dalla tavola pane, saliera, pepiera e oliera.
    • Se si considera un centrotavola fiorito, va scelto di dimensioni adeguate a quelle del tavolo e tali da non togliere visuale ai commensali. Evitare fiori troppo profumati, perché il  menu è da apprezzare anche con l’olfatto.
    • Alzarsi da tavola e spostarsi in salotto al momento di servire il caffé, offrendo anche qualche liquore.
    • E’ cosa gradita accompagnare il caffé con più tipi di zucchero: oltre al classico semolato mettere a disposizione anche quello di canna e una bustina di dolcificante.
    • Nel caso di un pranzo a buffet, prevedere i segnabicchieri – potrebbero essere nastrini di colori diversi – così sarà più semplice per ogni invitato riconoscere il proprio.
    • Il bon ton vieta di augurare agli altri commensali buon appetito e di far tintinnare i bicchieri per il brindisi, ma è una regola per le occasioni più formali. Meglio comunque adeguarsai di volto in volta all’atmosfera dell’occasione.