Ideare casa
Home » Esterni » Quanto e quando innaffiare in Giardino

Quanto e quando innaffiare in Giardino

L’irrigazione del giardino non è così banale come si può pensare, l’acqua è la fonte di vita del prato e delle piante, quindi bisogna stare molto attenti a non trascurare quelle poche regole, ma fondamentali. Regole che cambiano in base alla stagione, in quanto in diversi momenti dell’anno il giardino richiede cure e attenzioni diverse. Ecco alcuni consigli pratici per innaffiare prato e piante:

1. Il momento migliore per innaffiare le piante sono le prime ore del mattino. La maggior parte delle persone innaffia durante le ore più calde, pensando di aiutare le loro povere piante. Purtroppo, la maggior parte dell’acqua evapora quasi subito senza scendere alle radici. In alcuni tipi di piante, innaffiare sotto il sole, significa bruciare le stesse foglie. Se non è possibile innaffiare il mattino presto, si potrebbe aspettare a fine giornata, quando il terreno si sta raffreddando. Il problema di innaffiare la sera è che il terreno rimane umido per tutta la notte, e quindi crea l’ambiente perfetto per la crescita dell’erbaccia. A questo punto l’ideale sarebbe innaffiare tra le 4 e le 6 del mattino, quando il terreno è freddo e l’acqua sarà in grado di arrivare fino alle radici. Sicuramente sarebbe perfetto installare un sistema di irrigatori automatici.

2. Tenere pulito il terreno. Sicuramente se vicino alle nostre piante ci sono erbacce, queste saranno in competizione per l’acqua. Inoltre, se avete un prato, non perdete occasione di rastrellarlo per raccogliere rami e foglie secche, nonché per eliminare eventuali infestanti che potrebbero soffocare l’erba.

3. L’irrigazione del prato, invece, cambia in base alla stagione. Tendenzialmente in primavera, conviene irrigare ogni due o tre giorni, considerando la variabilità delle piogge. Durante i mesi più caldi il prato va innaffiato ogni giorno, seguendo l’accortezza di farlo durante la notte, in maniera che l’acqua abbia il tempo di penetrare in profondità prima di evaporare. In autunno, soprattutto se le classiche piogge di questo periodo si fanno attendere, continuate ad annaffiare il prato con regolarità, anche se con minore frequenza rispetto al periodo estivo: 2-3 volte alla settimana. In inverno il prato e le piante a foglie caduche non hanno più bisogno di un’irrigazione regolare: è il momento di mettere “a riposo” l’impianto.

4. Quanta acqua dare a ogni pianta:

  1° IMPIANTO

PIENO SVILUPPO

Prato  4 litri x mq.  4 litri x mq.

Siepe

4 litri per m. lineare

8 litri x m. lineare

Arbusto

8-16 litri x m. lineare  vd. prato

Latifoglia

40-60 litri x pianta  vd. prato

Tropicale

60-80 litri x pianta

60-80 litri x pianta
Conifera

40-60 litri x pianta

saltuariamente

Orto

3 litri x mq.

3 litri x mq.