Ideare casa

Parete attrezzata: idee, soluzioni e consigli

Come scegliere una parete attrezzata per il soggiorno richiede di rispettare due 2 regole: tenere conto dello spazio a disposizione e dell’impatto visivo.

Per le pareti attrezzate si possono scegliere vari tipi di soluzioni, tenendo conto non solo dello spazio a disposizione ma anche dell’impatto visivo che la composizione ha all’interno del soggiorno Questo significa che per scegliere la parete attrezzata per il soggiorno bisogna essere preparati sulle misure, colori, forme e stile che vogliamo impremere al salotto.

Sono sempre di tendenza, le pareti attrezzate che offrono una soluzione d’arredo pratica ed esteticamente molto gradevole per un soggiorno moderno di tutte le dimensioni.

Compatte e formate da moduli indipendenti, permettono di ottenere composizioni personalizzate praticamente su misura. Le pareti attrezzate sono progettate per assolvere princpalmente tre funzioni: contenere libri, ospitare servizi per la tavola e fornire un piano d’appoggio per la tv e impianti hi-fi.

Un unico mobile è in grado di sostituire contemporaneamente libreria, credenza e porta-tv, lasciando libere le altre pareti. Con il sistema modulare è possibile sfruttare al massimo gli spazi secondo le proprie esigenze. Per un risultato il più possibile soddisfacente si possono stabilire a priori le effettive necessità.

Soluzioni sulle misure che si adattano a diverse esigenze

Le pareti attrezzate hanno spesso larghezze modulari per cui possono essere facilmente adattate a pareti di dimensioni diverse, così come è possibile personalizzare l’altezza. Per quanto riguarda l’altezza dei ripiani, se la composizione è a montanti, si può regolare con appositi sostengni che si spostano sui montanti stessi. Nei programmi a spalla, spesso vi è una distanza prefissata per sistemare i piani, alcuni dei quali possono essere fiss. In altri casi, in prossimità di altezze stabilite, vi possono essere tre fori in modo da garantire maggiore flessibilità.

La profondità varia a seconda dei moduli: i contenitori bassi misurano solitamente 60 cm, mentre i pensili variano tra i 36 e i 38 cm. In ogni caso, con i video di ultima generazione, spessi anche meno di 8 cm, non è necessario prevedere sostegni di grande profondità. Se, oltre che per la tv, si vuole sfruttare la parte attrezzata anche per i libri, occorre tenere conto della lunghezza delle mensole. Se i volumi sono tanti, non dovrebbe superare i 60 cm.

Due sistemi a confronto

Esistono due categorie principali di pareti attrezzate:

  • a spalla portante
  • con moduli indipendenti.

Le prime sono costituite da moduli a colonna con fianchi che poggiano a terra. I moduli sono suddivisi da ripiani e vani chiusi da ante con diversi sistemi di apertura. Queste soluzioni hanno in genere profondità omogenee e rivestono la parete per l’intera altezza  e larghezza della composizione. Una variante è costituita da sistemi autoportanti, che prevedono in genere dei montanti metallici terra-soffitto regolabili in altezza, sui quali si agganciano i singoli moduli. In questo caso la profondità della composzione è variabile.

I programmi che prevedono elementi indipendenti, basi, pensili, panche e ripiani, offrono una grande flessibilità sia nella progettazione degli spazi sia nell’accostamento di materiali e finiture. La parete si può comporre come un puzzle: a tanto arrivano i nuovi sistemi, grazie a moduli intercambiabili permettendo di variare la composizione quasi all’infinito. Per calibrare vuoti e pieni o trasformare con l’aggiunta di semplici elementi vani a giorno in spazi chiusi. Alla base c’è una boiserie o punto di appoggio a terra, per quelle strutture modulari fissate alla parete. Questa soluzione prevede di arredare l’intera parete o solo alcune parti. Che possono essere montate e rimontate in un contesto differente.

La struttura a spalla portante senza schienali, consente di utilizzare la libreria anche come elemento interparete. In questo caso ideali sono le soluzioni con i fianchi e ripiani che abbiano profondità di 30-35 cm. Ci sono programmi per le librerie, che consentono di avere ripinani fissi  o quelli che consentono di regolarne l’altezza, ma in questo caso lo spostamento di una o più mensole, cambia completamente l’estetica della composizione.

Nei modelli dotati di schienali o pannellature, per nascondere i cavi di tv e hi-fi i sistemi più utilizzati sono fori passacavo, distanziatori e barre elettrificate da applicare al fondo del mobile o alla base dei vani. I pensili a colonna sono particolarmente utili e attrrezzati internamente per riporre i servizi per la tavola, ma anche per ricavare un mobile bar.

Fra i materiali di tendenza, il vetro è impiegato sia per i top sia per le ante. Nel primo caso si utilizzano soprattutto lastre di forte spessore, di tipo temperato. Le ante possono invece essere costruite anche da pannelli legnosi rivetiti con fogli di vetro incollati: in caso di rottura i frammenti non si staccano dalla superficie.

Per i sistemi di illuminazione molte aziende attualmente propongono sistemi integrati. Alle lampade alogene o luci dicroniche, che sono s basso voltaggio e non si surriscaldano, si sono aggiunti sistemi più evoluti come le luci a led. Si tratta di dispositivi emissivi anch’essi a basso voltaggio , di lunga durata e a bassissimo consumo. Gli apparecchi di illuminazine montati all’interno dei mobili devono essere conformi alle normative in materia. Ancora meglio se riportano marchi di sicurezza come quello di IMQ, Istituto Italiano di Qualità, ossia sono stati sottopost a prove di test di verifica della qualità.

L’utilizzzo di moduli indipendenti da accostare liberamente permete di realizzare composizioni che, nel tempo, possono essere integrate o modificate, anche con elemeni di finitura differente. E le combinazioni cromatiche diventano un elemento decorativo.

Consigli sui vani a giorno o chiusi con ante vetrate

Anche una composizione di taglio tradizionale prevede differenze tra i vari elementi. Per lasciare esposti gli oggetti, ad esempio servono elementi a giorno oppure protetti da vetri trasparenti, se invece si vuole schermare il contenuto vanno scelti vetri satinati o serigrafati.

Idee sui materiali e finiture

Legno, non solo masello: per la realizzazione di programmi e sistemi per il soggiorno, si usano prevalentemente diversi tipi di pannelli di legno, da quelli in listellare all’Mdf, tutti materiali caratterizzati da alta resistenza e buona lavorabilità. Possono essere rifiniti in modo diverso, dall’impiallacciatura in essenza alla laccatura lucida od opaca, spesso trattata antigraffio.

Metallo per alcune parti: usato per le strutture con montanti, assicura solidità e durata quando gli elementi hanno sezione ridotta. L’ideale è l’alluminio visivamente leggero ma in grado di sostenere anche carichi notevoli. Spesso viene utilizzato anche l’acciaio, che può avere finitura cromata, satinata oppure verniciata.

Vetro per ante o mensole: per motivi di sicurezza deve essere temperato: in caso di rottura, infatti, si frantuma in minuscoli pezzi, riducendo il rischio di tagliarsi. Le finiture sono molteplici, dalla laccatura alla satinatura. Si possono usare anche vetri opalini, piuttosto opachi, oppure sublimati, caratterizzati da colorazioni simili a quelle tipiche della laccatura, ma più trasparenti.

Ecco alcuni esempi su come scegliere una parete attrezzata per il soggiorno

Parete attrezzata Crossing di Misuraemme

Designer: CRS MISURAEMME / MAURO LIPPARINI
Una vera innovazione reinventa il concetto libreria. I pannelli che la compongono, liberandosi dal loro peso, consentono alle scaffalature di poter essere sospese, dando un nuovissimo senso di “leggerezza visiva”.

Parete attrezzata Tao Day di Misuraemme

Designer: MAURO LIPPARINI
Il sistema TAO DAY può avere molteplici soluzioni, ottenute componendo in modo differente gli elementi, proposti in diverse dimensioni e laccature opache, lucide ed essenze.

Parete attrezzata Zanette

Composizione F 106 composta da basi con cassettoni, mensola e pensili in rovere Creta. Pensili con ripiani in vetro, ante a ribalta in vetro bronzato. Porta plasma laccato opaco best seller platino L 312 P 51,8 H 165.

Composizione con anta a ribalta Zanette

Composizione F 104 composta da basi con ante, cassetto e mensola laccato lucido corda, pensile con anta a ribalta con vetro bronzato, porta plasma in rovere Creta. L 312 P 51,8 H 185.

Parete attrezzata con anta a ribalta di Zanette

Composizione F 101 composta da basi con ante, pensili con anta a ribalta in vetro bronzato e mensola laccato lucido Creta. Porta plasma e pensili con ante laccato lucido bianco. L 364 P 51,8 H 185

La parete attrezzata modulare di MDF

Questi sistemi modulari di MDF in Italia hanno un organizzazione casuale. La parete attrezzata è realizzata in legno è resa particolarmente versatile dai ripiani che possono essere inseriti a piacere, questo rende la parete attrezzata unica e moderna.

Questo sistema e la sua vera bellezza è quella di utilizzare lo spazio necessario o che si ha , poichè la sua caratteristica è l’adattabilità. La libreria Randomito è un pannello che può essere organizzato sulla base della propria immaginazine. Oltre a questi pannelli il sisterma modulare prevede anche un prodotto con ante il Random Random Box, disponibile con scaffali, chiusi o aperti con ante, a loro volta regolabili. La parete attrezzata può contenere, foto, libri, scatole, ricordi dei viaggi e per chi è più disordinato la parete attrezzate prevede la chiusura delle scaffalature.

Parete attrezzata moderna di Mobilificio Fogliense

Una parete attrezzata moderna e versatile grazie a elementi pensati per infinite soluzioni di arredo. Kora è la scelta per chi, pur puntando alla semplicità delle linee, non rinuncia alla ricercatezza dei materiali: il rovere moro è abbinato alle lucide superfici in laccato bianco, per un elegante contrasto materico.

Parete attrezzata in legno di Europeo

La naturalità del legno incontra la vivacità del colore fluo. Le otto ante laccate verde lucido con apertura a push arricchiscono la composizione in finitura carruba di Europeo con la base con 4 cestoni e l’utile panchetta porta tv ruotabile.

Parete attrezzata moderna di Europeo

Essenzialità in bianco e nero. Tre pensili a colonna in nero lucido con apertura a push e una ribalta con anta con telaio in alluminio brill e vetro nero, contrastano il laccato bianco lucido delle tre basi con cassettone, valorizzando la parete.

ilaria

Ciao, sono Ilaria e ho lanciato Ideare-Casa.com nel 2008 come un piccolo blog di interior design, dopo essere diventata mamma di una bellissima bambina. Ho aperto il blog per documentare la mia passione sul design, segnalare prodotti e raggiungere le persone che hanno la mia stessa passione per l'arredo di interni.