Nasce Wallpaper Factory al Salone del mobile 2010

In scena un percorso tra realtà e immaginazione, dove il rivestimento è la vera espressione tattile e sensoriale. Le superfici divengo pelli, trame, giochi grafici, riflettenze e creano, allo sguardo dello spettatore, profondità nei volumi e illusioni ottiche tra giochi di luci e colori.

In mostra, tra arte e design, un percorso ‘reale’, emotivo, coinvolgente, dove la dimensione virtuale resta l’immaginazione, stimolata ad arte dall’uso sapiente dei wallcovering Jannelli&Volpi 2010.

WALLPAPER FACTORY di Jannelli&Volpi porta la firma di Markus Benesch, art director dell’evento fuori salone che dialoga con artisti e designer come: Il Gruppo T, Maria Christina Hamel, Carnovsky, De Vecchi Milano 1935.

Nel percorso della mostra le nicchie e stanze nascondono e svelano al contempo le novità presentate dagli artisti-designer, scelti per ideare wallcovering che entrano a far parte della collezione Wond, insieme alle novità Jannelli&Volpi 2010, tutte raccolte ‘in catalogo’.

Scenografica è la WALLPAPER FACTORY Hall, con protagonisti i nuovi wallcovering con grandi lampadari circolari, illuminati ad effetto. Il private lunch e l’aperitivo serale, creato ad arte da Paolo Franchi, chef appassionato de Il Castello Ricevimenti (www.ilcastelloricevimenti.it), verrà servito utilizzando gli accessori della nuova collezione design Marimekko e nuovi packaging ‘limited edition’ di Essent’ial per Jannelli&Volpi.

CHI SONO i PROTAGONISTI della WALLPAPER FACTORY?

Jannelli&Volpi ha voluto unire i diversi linguaggi e le esperienze di designer-artisti, chiedendo loro di interpretare il rivestimento murale con WonD (Wallpaper On demand) di Jannelli&Volpi.

Ne risultano nuove e sorprendenti grafiche che rispecchiano l’effetto sensoriale, emotivo, percettivo, tutti declinati nell’ambito dell’interior.

Il primo è Markus Benesch, designer e art director dell’evento Jannelli&Volpi 2010, che presenta alcune novità nell’ambito di carte da parati, con ispirazione tridimensionale, nella sua collezione CuriousBoy.

Il Gruppo T: tra i più importanti gruppi di Arte cinetica e programmata in Italia, fondato nel 1959 da Davide Boriani, Gabriele De Vecchi, Giovanni Anceschi, Gianni Colombo e Grazia Varisco. Il Gruppo T introdusse una forma di arte innovativa, attraverso la realizzazione di esperimenti percettivi e di ambienti interattivi finalizzati a sollecitare e ricreare reazioni diverse e inaspettate nello spettatore. Presente nella Gallery il “Grande oggetto pneumatico. Ambiente a volume variabile”. Elementi tubolari in polietilene vengono continuamente gonfiati e sgonfiati. Lo spazio della Gallery risulta così strutturato ogni volta in modo diverso, immerge e avvolge gli spettatori, costretti a spostare i palloni che incontrano per ‘vedere’ ciò che li circonda.

Maria Christina Hamel, celebre designer-artista presenta la collezione Doppio senso – My secret room, che gioca sul concetto dell’ambiguità, celata tra simboli sensuali, femminili ed erotici. Nella location sono presenti arredi che portano la sua firma e contribuisco ad arredare e ricreare lo spazio.

Carnovsky di Francesco Rugi e Silvia Quintanilla presenta RGB, collezione ‘nascosta’ dall’effetto 3D (visibile nella sua complessità con gli appositi filtri): tre immagini sono sovrapposte e regalano un effetto visivo davvero interessante, che copre e arricchisce gli spazi, trasformandoli in chiave moderna e inaspettata.

De Vecchi Milano 1935 storica azienda che ha fatto e fa dell’argento una vera e propria arte espressiva. Gabriele e Matteo De vecchi esprimono il senso percettivo della materia utilizzando il colore e la forma, che danno vita a giochi ottici emozionanti.

Alcune delle collezioni JANNELLI&VOLPI 2010, rappresentate nella WALLPAPER FACTORY sono:

la collezione JV901vip di J&V Italian Design, brand di Jannelli&Volpi

wallcovering Marimekko 2 by Sirpi (in anteprima)

la collezione Iridiscence a effetto metallico

la collezione H&W Modern Eccentrics

Ciao, sono Ilaria e ho lanciato Ideare-Casa.com nel 2008 come un piccolo blog di interior design, dopo essere diventata mamma di una bellissima bambina. Ho aperto il blog per documentare la mia passione sul design, segnalare prodotti e raggiungere le persone che hanno la mia stessa passione per l'arredo di interni.