Ideare casa
Home » Idee per la casa » Mercatini di Natale in Italia 2016

Mercatini di Natale in Italia 2016

I mercatini di natale come ogni anno si accendono di magia e richiamano tanti turisti. Vediamo quali sono i migliori mercatini di natale in italia 2016.

Si avvicinano le feste e torna la magia dei mercatini di Natale. Tra addobbi e luci scintillanti, da novembre a dicembre (in molti casi fino alla Befana) questi mercati ricchi di fascino diventano il luogo dove tornare bambini e vivere un’atmosfera natalizia quasi fiabesca.

In viaggio tra i mercatini di natale in Italia 2016

Mercatino di Natale in Norimberga
Un bellissimo dettaglio del Mercatino di Natale in Norimberga

Si avvicinano le feste e torna la magia dei mercatini di Natale. Tra addobbi e luci scintillanti, da novembre a dicembre (in molti casi fino alla Befana) questi mercati ricchi di fascino diventano il luogo dove tornare bambini e vivere un’atmosfera natalizia quasi fiabesca.

La tradizione è tedesca, si sa, ma nel Nord Italia sono ormai ben radicati e l’Alto Adige per primo l’ha saputa raccogliere, rielaborare e far sua. È a Bolzano, infatti, che – grazie alla collaborazione con gli organizzatori del mercatino di Norimberga – è nato il primo mercatino di Natale italiano: era il 1990, storia d’oggi se si pensa che i più antichi mercatini europei risalgono al XV secolo (il primato se lo contendono la francese Strasburgo e le tedesche Desdra e Norimberga).

Dagli anni Novanta in poi altre località hanno organizzato i loro mercatini di Natale, ma quelli dell’Alto Adige/Südtirol restano probabilmente i più suggestivi. Tutti offrono artigianato e gastronomia locale (dal vin brulé al succo caldo di mele, dallo strudel allo speck), ma ognuno ha il suo fascino e qualcuno è davvero particolare.

Una delle tante strade addobbate per il meraviglioso mercatino di natale di Bolzano.
Una delle tante strade addobbate per il meraviglioso mercatino di natale di Bolzano.

A Bolzano, per esempio, sono imperdibili il mercatino all’interno di Palais Campofranco, quello dell’artigianato in piazza Municipio e quello della solidarietà in piazza del Grano. A Bressanone è d’obbligo una visita al Palazzo Vescovile che ospita il Museo dei Presepi. Oltre 35 stand ci aspettano a Brunico, dove, tra un acquisto e l’altro, si può assistere a un concerto gospel o alla rappresentazione di un presepe vivente.

Per una breve vacanza all’insegna del benessere Merano promette giornate di relax tra mercatino e terme. A Vipiteno, dopo aver ammirato il mercatino arricchito da abeti addobbati con frutta, dolci e oggetti in legno e il presepe di statuine realizzate a mano, si può visitare la città sulle tracce della sua storia medioevale e dell’attività mineraria. Anche in Trentino l’offerta è ricca. Per i golosi e i buongustai il mercatino di Trento riserva un’intera area alle specialità gastronomiche: qui si possono gustare mele cucinate secondo mille ricette, polenta e zuppe, strangolapreti, canederli e selvaggina, accompagnati da grappe e liquori.

A Rovereto il Natale dei Popoli si declina quest’anno attraverso l’invito a tre località simbolo: Betlemme, la patria di tutti i Natali del mondo; Lampedusa, la “porta” del Mediterraneo sul Nord Africa e il Medio O riente; la Svezia, terra delle tradizioni più antiche legate a personaggi molto noti anche da noi, come Santa Lucia.

Punto d’incontro delle realtà ospiti è il mercatino internazionale che nel centro storico della città propone un simbolico viaggio dalla Palestina al Sud Italia, passando per il Nord Europa.

Gli artigiani di Lampedusa, ospiti con il loro sindaco, daranno vita a una grande festa del Sud dedicata alle tradizioni natalizie siciliane. A Levico protagonista è la musica, con concerti corali e strumentali, musici itineranti e gruppi folcloristici che trasformeranno il parco in un vivace palcoscenico, mettendo in scena le più originali tradizioni musicali locali.

Ad Arco, invece, sono i più piccoli a divertirsi con le passeggiate a dorso del cammello Alì. Per non dimenticare che il Natale è soprattutto la festa dei bambini e di tutti quelli che a qualsiasi età, tra luci e colori, dolciumi e regali, tornano bambini in questo magico momento del l’anno. Se poi nevica, la fiaba è assicurata.

Da Nord a Sud, mille idee regalo

MercatiniNatale_Aosta

Bolzano ha raccolto per prima il testimone, tante località fanno rivivere l’antica tradizione medioevale tedesca di accogliere, nei villaggi fortificati, gli artigiani che offrivano oggetti e cibi da regalare a Natale. Anche in Friuli-Venezia Giulia, Veneto e Valle d’Aosta le città si riempiono di bancarelle e casette di legno.

Sono i mercatini natalizi della “nostra” tradizione e valgono una visita. Qui si possono trovare i regali più belli e originali: tra prodotti artigianali e gastronomia, che offre tanti spunti per golose idee-regalo, sembra davvero impossibile non trovare il “pensierino” giusto per parenti e amici.

In Carnia, angolo incontaminato della montagna friulana, tra antiche tradizioni, folclore e buona tavola, i mercatini sono un preludio particolarmente suggestivo alle feste. A Sauris, l’8, 10 e 11 dicembre il tradizionale Mercatino dell’Avvento trasforma l’intera frazione di Sauris di Sopra in un incantevole “paese del Natale”: per tre giorni, sulle tradizionali bancarelle si potranno acquistare i più tipici oggetti in legno, ferro battuto, paglia, ceramica, lana cotta e feltro dell’artigianato carnico (come gli scarpets, le tradizionali pantofole in velluto con la suola ricavata dal copertone di biciclette), addobbi natalizi e prodotti della gastronomia locale, come il prosciutto crudo leggermente affumicato, i formaggi di malga o i mieli di montagna.

Presepi cortile

A Sutrio, antico borgo ai piedi dello Zoncolan, dal 18 dicembre all’Epifania decine di presepi sono allestiti nei cortili accanto ai fogolar (i tipici caminetti carnici) e sotto i loggiati delle case più antiche. Una novità, quest’anno, sono le miriadi di piccoli mercatini di Natale tradizionali, che durano anche solo pochi giorni e si svolgono nei borghi di montagna più belli d’Italia, come Renon (Bz) e Siror (Tn), dove gli artigiani espongono i loro prodotti fatti a mano e legati alla tradizione contadina, che diventeranno doni originali e apprezzati. Ma i mercatini di Natale non sono più esclusiva del Nord: in tutta Italia è periodo di bancarelle natalizie. Non rientrano nel circuito dei mercatini tirolesi, ma mostrano tutto il loro fascino e la loro storia i mercatini di Roma e Napoli.

Se nella Capitale il tradizionale mercatino di Natale si svolge fino al 6 gennaio in piazza Navona (con la grande festa della Befana), nella città partenopea si può dire che è aperto tutto l’anno, dato che è un intero quartiere, quello tra la via San Gregorio Armeno e Spaccanapoli, con le sue tipiche botteghe artigiane specializzate nella realizzazione delle statuine del presepe, a essere dedicato al Natale 365 giorni l’anno. Perugia diversifica le iniziative: al mercatino delle Strenne si aggiungono il “Natale alla Rocca” (la mostra mercato dell’artigianato nella Rocca Paolina) e il “Villaggio Santa Claus” con tante attività e animazione per i bambini.

Al Sud, è Bari a offrire il mercatino di Natale prestigioso e interessante: aperto nel centro della città dall’8 al 18 dicembre offre anche la possibilità di assistere alla lavorazione a mano di prodotti tipici con dimostrazioni di vecchi artigiani locali. In Sicilia, infine, Caltagirone ( Catania), la città della ceramica, organizza il mercatino di Natale fino all’8 gennaio, offrendo tutte le settimane attività a tema: la settimana dei dolci tipici, quella dell’artigianato e così via.

Mercatino di Natale a Bressanone 2016

Un dettaglio di questa meravigliosa piazza che ospita il marcatino di natale di Bressanone.
Un dettaglio di questa meravigliosa piazza che ospita il marcatino di natale di Bressanone.

Il Mercatino di Natale di Bressanone è uno dei momenti più animati e ricchi d’atmosfera di tutto l’anno. Le tradizionali bancarelle di Piazza del Duomo sono tutte decorate e propongono anche oggetti natalizi ed idee regalo tipici e originali della tradizione sudtirolese. Nei locali tipici ci si può fermare per assaggiare le specialità locali.

Come arrivare a Bressanone

In automobile e camper: sull’autostrada A22 fino all’uscita di Chiusa – Val Gardena (sud) o Bressanone – Varna (nord). Seguire le indicazioni per i parcheggi auto ed i parcheggi per camper. Campeggio “Al Leone” a Varna, ca. 2 km a nord di Bressanone. Parcheggio Autosilo in via Dante: direttamente sulla strada statale a ca. 5 minuti a piedi dal centro. Aperto 24 ore su 24. Parcheggio Acquarena in via Brennero: entrata nord a 5 minuti a piedi dal centro. Parcheggio Bressanone Sud sulla statale a ca. 20 minuti a piedi dal centro.

Per la discesa e la salita dai pullman, il parcheggio, a due minuti di cammino dal centro storico, è consentito solamente per 15 minuti. Seguire le indicazioni. I pullman turistici possono parcheggiare nei parcheggi della zona sud nei pressi della zona sportiva. Prendere la strada statale SS 12 (via Vittorio Veneto) verso sud fino all’entrata della zona sportiva.

In treno: con IC oppure EC fino a Bressanone.

In aereo: voli giornalieri da e per Roma Fiumicino dall’aeroporto di Bolzano oppure fino a Verona Villafranca. Proseguire in treno fino a Bressanone.

Mercatino di natale a Merano 2016

Mercatini di natale Merano

Merano (324 m di altitudine, in tedesco: Meran) si trova adagiata in una conca assolata dove confluiscono la Val Venosta, la Val Passiria e la Val d’Adige in Alto Adige. La città è un luogo di cura e di soggiorno di fama internazionale ed è riparata dalle alte montagne del gruppo del Tessa per cui il clima è mite e temperato.Si consiglia una visita al Mercatino di Natale di Merano durante la settimana in quanto vi sono molti meno visitatori che nei fine settimana, oppure nelle ore serali quando le casette sono illuminate e nell’aria si diffondono i suoni ed i canti natalizi.

Perché visitare il mercatino di natale a Merano

Il centro storico di Merano viene decorato a festa per l’occasione lungo le strade ed i vicoli del centro, ma anche le decorazioni natalizie delle vetrine sottolineano la solennità della festa. Immergetevi nell’allegra e festosa atmosfera del Natale.

Nelle vicinanze ci sono gli impianti sciistici di Merano 2000 (paradiso della neve per tutta la famiglia con 40 km di piste) con l’”Alpin Bob Merano 2000? (montagne russe) e la pista da slittino, di Schwemmalm in Val d’Ultimo, di Plan in Val Passiria e della Val Senales (neve, sole e divertimento tutto l’anno) con numerose piste da sci. Al Meranarena in via Palade a Maia Bassa si trova il palaghiaccio con adiacente pista di pattinaggio all’aperto e piscina coperta con vista panoramica. In piazzetta Terme viene allestito un campo di pattinaggio su ghiaccio e nelle piscine coperte delle Terme di Merano si può nuotare tutti i giorni.

Video

Come arrivare a Merano

In automobile e camper: uscita autostrada A22 Bolzano Sud, collegamento diretto alla superstrada Merano – Bolzano (30 km, 15 minuti). Uscita Merano Maia Bassa (l’uscita successiva a quella di Merano Sud). Seguire le indicazioni per i parcheggi auto ed i parcheggi per camper. Il Campeggio “Camping Merano” si trova in via Piave 44, vicino all’ippodromo di Maia Bassa. Nel caso che il campeggio fosse completo vengono messe a disposizione adeguate sistemazioni alternative. Parcheggio in piazza Prader vicino alla stazione ferroviaria e con i pullman di linea si raggiunge comodamente il centro città. Parcheggio Minigolf in via Innerhofer, Autosilo Terme “art drive in” nel sottopassaggio delle Terme che si trova a 50 metri dal Mercatino di Natale, Parking Plaza in via Goethe, Parcheggio Karl Wolf in via Verdi ed Autosilo Cantina Sociale Lagundo in via Galilei.

pullman turistici passano dall’uscita MeBo Merano Sud, per via Roma, via Petrarca e via Piave fino al terminal dei pullman in centro città, poco sotto le Terme di Merano. I passeggeri potranno scendere e risalire comodamente dopo la visita al mercatino. Passando per piazzetta Terme o per il ponte del Teatro si giunge subito al Mercatino di Merano. Di giorno i pullman potranno parcheggiare nell’apposita area presso l’ippodromo in via Palade.

In treno: coincidenza da Bolzano a Merano (non scendere a Merano Maia Bassa).

In aereo: voli giornalieri da e per Roma Fiumicino dall’aeroporto di Bolzano (30 km) oppure fino a Verona Villafranca. Proseguire poi in treno fino a Merano.

Mercatino di Natale di Bolzano 2016

Il tradizionale Mercatino di Natale di Bolzano si svolge sulla rinomata Piazza Walther, illuminata per l’occasione da molte luci. Vicino si trovano il centro storico, i portici e la stazione ferroviaria. Inoltre ci sono diversi altri mercatini nelle vie e piazze adiacenti, come in piazza Municipio, in piazza del Grano e nel cortile di Palazzo Campofranco.

Perché visitare il mercatino di Bolzano

bambini potranno scegliere tra gli intrattenimenti pensati appositamente per loro: la rappresentazione del presepe vivente, gli spettacoli di marionette, la giostra musicale, le passeggiate sul pony per le vie del centro (a pagamento) ed giri in carrozza ogni giorno (a pagamento). Un servizio della Croce Rossa di Bolzano mette a disposizione delle mamme con bambini piccoli la casetta riscaldata Punto Bimbo in via Argentieri.

Tra gli eventi di carattere artistico e culturale spicca l’ormai classica “Lunga Notte dei Musei” con ingresso gratuito in numerosi musei cittadini. Meritevole di una visita anche Catel Roncolo, il Maniero Illustrato, con i suoi affreschi raffiguranti saghe cavalleresche. All’interno del Duomo di Bolzano ci si può fermare per una preghiera o per meditare un po’ in silenzio.

Video

Come arrivare a Bolzano

  • In treno: fino alla stazione di Bolzano (non Bolzano Sud) con la linea ferroviaria del Brennero. Arrivare in treno è facile e conveniente: piazza Walther si trova a 2 minuti a piedi dalla stazione ferroviaria. Molti sono i collegamenti dalle maggiori città italiane, con coincidenza a Bologna e Verona.
  • In aereo: voli da e per Roma Fiumicino. L’aeroporto si trova vicino alla zona fiera a soli 15 minuti dal centro storico, collegamenti in taxi (Radiotaxi 0471 981111).
  • In automobile e camper: sull’autostrada A22 fino all’uscita di Bolzano Sud oppure lungo le strade statali 42 e 38. Il sistema elettronico di parcheggio situato sugli snodi stradali della città da’ indicazioni sulla disponibilità di posti nei parcheggi. Si consiglia di attenersi a tali indicazioni. Parcheggio Mayr Nusser è il più vicino a Piazza Walther.
  • Per chi arriva in camper nei giorni vicni all’8 dicembre parcheggio in via Buozzi (50 posti), in via Einstein (Frischin) (350 posti), parcheggio Agrifa in via Maso della Pieve (150 posti) e Camping Moosbauer (180 posti).
  • Per chi viene da SUD: si consiglia l’uscita autostradale Bolzano Sud e il parcheggio della Fiera Bolzano (1300 posti). Il parcheggio è collegato ogni 15 minuti con autobus. Ancora più veloce è il treno che in 3 minuti porta da Bolzano Sud alla stazione centrale.
  • Per chi viene da NORD: si consiglia l’uscita autostradale Bolzano Nord e il parcheggio Bolzano Centro di Via Mayr Nusser (1200 posti) a 5 minuti a piedi da Piazza Walther.
  • Per chi viene da OVEST: statali 42 e 38 e parcheggio Palasport (500 posti) collegato con autobus di linea verso il centro ogni 10 minuti.
  • Per viaggi organizzati in pullman: uscita autostadale A22 Bolzano Sud (o Bolzano Nord per chi arriva da nord) e seguire le indicazioni verso il parcheggio “Bolzano Centro” in via Mayr Nusser. Altre indicazioni saranno fornite direttamente sul posto.
  • Gruppo Operatori Emergenza Radio, via Lancia 4/A: Tel. 338 2072464 reperibilità 24h/24 h per i soli orari di apertura del mercatino di Natale. Nei fine settimana: Tel. 334 1560793
    Vigili Urbani, Polizia Municipale: Tel. 0471 997788