Ideare casa
Home » Complementi d'arredo » Come scegliere una buona scarpiera

Come scegliere una buona scarpiera

Per nove paia di scarpe o per cinquanta, anche quando la profondità è di soli 16 cm. Se la scarpiera viene sistemata in un ingresso o in camera diventa un elemento d’arredo, quindi nella scelta è importante valutare anche il suo impatto estetico.

Se, invece, è destinata a locali di servizio, come bagno o disimpegno, diventano prioritari fattori come la comodità di apertura e la suddivisione interna.

Consigli d’acquisto per le scarpiere

La prima caratteristica da valutare è che, sia per dimensioni sia per capacità, la scarpiera sfrutti al meglio lo spazio disponibile. Inoltre, è preferibile un modello dotato di fondale forato che permette una corretta aerazione e quindi è più igenico. Se i ripiani non sono fissi, è più facili pulirli e si possono spostare secondo la necessità.

Scarpiera di Arredamenti Montegrappa

Ha la struttura in truciolare postformato rivestito in laminato la scarpiera a saponetta che misura 50x16px130h.

Scarpiera di Birex

Ha finitura in rovere chiaro con cornice e maniglie in rovere moro la scarpiera a 3 ante per 9 paia. Misura 72,5x20px129h cm.

Scarpiera di Eban

E’ in stile classico e ha un cassetto per gli accessori la scarpiera in noce che contiene fino a 9 paia di scarpe. Misura 71x21px156h cm.

Boot di Longo

Contiene 12 paia di scarpe la scarpiera in metallo verniciato blu con anta a specchio. Misura 52x18px201h cm.

Quanti centrimetri dev’essere la scarpiera?

Interamente la scarpiera ha particolari meccanismi o ripiani inclinati che consentono di risparmiare spazio in profondità, dal momento che la lunghezza delle scarpe per adulti varia da 21,7 – 22,3 cm, del n° 35 fino ai quasi 30 cm, del n° 46 da uomo. Per le scarpe da donna, invece, all’altezza del tacco bisogna aggiungere quella della tomaia che in media varia da 5 a 10 cm.

Scarpe senza tempo

Chanel. Prende il nome della stilista francese Cocò Chanel, che negli anni ’50 l’ha proposta in versione bicolore. Si trova a partire dai modelli a tacco zero fino ai classici 12,4 cm. Chiusa in punta, dietro è aperta come un sandolo, con una cinghietta che passa sopra il tallone, realizzata nello stesso materiale usato per la tomaia.

Décolleté. Ha una linea semplice e avvolgente che lascia scoperto solo il dorso del piede. E’ la scarpa femminile per eccellenza, perfetta con un tacco molto alto. In alcuni modelli la punta è aperta e lascia intravedere le dita.

Mocassino. Simbolo di un eleganza sportiva, è una calzatura a tacco basso, pratica da indossare perché priva di lacci. E’ un classico in entrambe le versioni, per uomo e per donna.