Ideare casa

Le scale di Fontanot

unnamed

Pochi elementi d’arredo sono così importanti nell’evoluzione del concetto di casa e in generale della storia dell’uomo, come la scala. Essa ci ha sempre accompagnati come elemento di connessione o di divisione tra i diversi piani che compongono lo spazio abitativo.

unnamed-1

Pensiamo ad esempio ai vecchi castelli medievali: come sarebbero potuto esistere altrimenti? Questi elementi architettonici non solo si costituivano come pezzo indispensabile per la comunicazione tra le diverse stanze, ma rappresentavano anche un simbolo distintivo della condizione sociale dell’individuo: più in alto si saliva lungo la scala, più in alto ci si sposta nel rango sociale. Nei diversi torrioni del castello le trovavamo attorcigliate alla struttura portante, con gradini molto larghi per permettere il passaggio dei cavalli. D’altronde, all’epoca, non si parlava ancora di prezzo al mq né si dovevano sbrigare chissà quali pratiche burocratiche per la sua costruzione.

unnamed-2

Anche discipline come la Psicoanalisi, hanno fatto spesso ricorso alla sua simbologia. Gli analisti affermano che essa rappresenta il meccanismo di difesa dell’io per eccellenza nei confronti di pulsioni troppo forti verso le quali l’individuo si sente indifeso. Fuggire dalle scale verso l’alto o verso il basso, significa comunque spostarsi da un mondo ad un altro. Anche a livello onirico, dunque, la scala vede immutata la sua funzionalità di elemento di comunicazione.

Anche le arti della rappresentazione come il cinema e il teatro hanno voluto rendere omaggio alla scala. Nel recente adattamento de “Il processo” di Franz Kafka, da parte del regista italiano Domenico Polidoro, ai labirinti evocati dalle stanze si sostituiscono i piani interconnessi tridimensionalmente dalle scale a chiocciola.

Ma quali sono le parti essenziali che compongono oggi le scale? Le scale sono composte da un numero determinato di ripiani orizzontali, o “pedate”, distribuite a quote in crescendo. L’elemento che separa sul piano verticale due pedate consecutive si chiama alzata. L’insieme di due pedate e una alzata costituisce ciò che colloquialmente chiamiamo “gradino”.  I diversi gradini si raggruppano sotto forma di “rampa” che può essere a sua volta di sosta o di arrivo. In generale, la sua struttura offre molti spunti agli architetti, e oggi in molti si dedicano alla sperimentazione di nuove soluzioni.

unnamed-3

Nella sottospecie delle scale a chiocciola, le scale autoportanti come la scala Techne di Fontanot, hanno rivoluzionato l’arte della creazione di nuovi spazi. Costruita completamente in polimero plastico, essa è leggera ma resistente, facile da montare e da progettare secondo necessità e dimensioni. L’evoluzione della tecnica assieme alla creatività dei migliori designer hanno prodotto un nuovo gioiello architettonico molto funzionale, pronto a prendere il testimone dell’impronta italiana nel mondo dell’arredamento.

unnamed-4

ilaria

Ciao, sono Ilaria e ho lanciato Ideare-Casa.com nel 2008 come un piccolo blog di interior design, dopo essere diventata mamma di una bellissima bambina. Ho aperto il blog per documentare la mia passione sul design, segnalare prodotti e raggiungere le persone che hanno la mia stessa passione per l'arredo di interni.