Ideare casa
Home » Consigli per la casa » L’acquisto dei mobili: comprare informati

L’acquisto dei mobili: comprare informati

Quando si acquistano nuovi mobili, l’interlocutore di riferimento è il rivenditore: rivolgendosi all’azienda produttrice, si possono ottenere gli indirizzi di quelli più vicini alla zona in cui si abita. Essenziale è chiarire subito ogni eventuale dubbio sul contratto che si sottoscrive e prestare molta attenzione alle condizioni generali proposte e a eventuali clausole meno evidenti.

Modalità di pagamento

Le modalità di pagamento sono definite dal punto vendita. La prassi più diffusa prevede un accounto (tra il 10% e il 30%) alla stipula del contratto e il saldo alla consegna o dilazionato nel tempo in base ad accordi con il venditore stesso. In alternativa, sono previste forme di finanziamento proposte da alcuni istituti di credito in collaborazione con le aziende.

Trasporto

Tra gli accordi da prendere con il rivenditore, importanti sono quelli relativi al trasporto e al montaggio: in genere è richiesto un costo supplementare, calcolato per ogni singolo pezzo oppure in percentuale sulla spesa complessiva. Per mobili di grandi dimensioni, come armadi e cucine componibili, è sempre consigliabile evitare il montaggio fai-da-te: meglio affidarsi a personale specializzato.

Istruzioni per la manuntenzione

Nel settore dell’arredamento per legge (L. 126/91 e D.L. 101/97) da una scheda informativa che riporta il nome commerciale del modello e il produttore, i materiali impiegati per struttura e finiture, la presenza di sostanze potenzialmente dannose, le istruzioni per manuntenzione e pulizia ed eventuali precauzioni da osservare. Informazioni aggiuntive possono riguardare lo smaltimento.

Tempi sulla consegna

A meno che non si acquisti un mobile in esposizione, dal momento dell’ordine a quello della consegna sono previste in genere attese tra i 30 e i 60 giorni. I tempi possono variare a seconda del tipo di mobile, della finitura e dell’eventuale richiesta di soluzioni personalizzate.

Garanzia sul prodotto

Come su tutti i prodotti di consumo, anche sui mobili è fornita per legge una garanzia a due anni che attesta la conformità del prodotto. Alcuni produttori ne offrono una supplementare, che arriva a 10 anni. Il rivenditore è tenuto a rispondere all’acquirente di eventuali difetti riscontrati alla consegna e evidenziatisi in seguito. Il consumatore ha il diritto di richiedere la riparazione o la sostituzione del bene senza alcuna spesa.