Ideare casa
Home » Divani » Pelle per divani: smerigliatura, tintura e rifinizione

Pelle per divani: smerigliatura, tintura e rifinizione

La pelle per i divani quelle più pregiate sono dette pieno fiore. Hanno un aspetto del tutto naturale e si distinguono per il poro aperto, visibile tramite lente, le differenze di grana e la presenza di segni, attestazione di naturalità.

La smerigliatura

Ha lo scopo di eliminare i difetti dei pellami meno pregiati. Consiste nell’abrasione e dunque nell’asportazione di una parte più o meno consistente dello strato superficiale. Le pelli vengono poi ricoperte con prodotti protettivi o con vernici per offrire un aspetto più naturale e migliorarne le caratteristiche, quali la facilità di pulizia e la resistenza all’abrasione.

La concia

E’ il trattamento che subisce la pelle per essere trasformata in cuoio. A tutela del consumatore, vi è il marchio Vera Pelle Italiana Conciata al Vegetale rilasciato dall’omonimo Consorzio. La presenza dell’apposito talloncino attesta l’origine italiana del prodotto. Garantisce, inoltre, la salvaguardia dell’ambiente e il rispetto di alti standard produttivi (Norma Uni 10885). Certifica, infine, la naturaleza del pellame, che viene conciato utilizzando tannini vegetali, anziché chimici.

La tintura

Quella dei pellami più pregiati viene eseguita in appositi bottali, in modo che la tinta possa penetrare attraverso tutta la sezione (tintura passante). Per i più economici viene invece stesa una vernice a spruzzo. In questo caso, però, un eventuale segno tende a scoprire il fondo più chiaro della pelle.

La rifinizione

E’ l’ultima fase della lavorazione, che fornisce alla pelle diverse finiture. Può essere leggera e trasparente, per un aspetto più naturale, o coprente, più protettiva.

1 comment