Impariamo a conoscere le frese per il legno

Impariamo a conoscere le frese per il legno

Frese per il legno: cosa sono e come funzionano

Gli amanti del fai da te possono disporre di diversi utensili particolarmente utili per la realizzazione di originali creazioni scolpite nel legno. Tra gli strumenti più importanti vi sono certamente le frese per il legno.
Vediamo nello specifico come sono prodotti e come agiscono questi dispositivi.

Le frese da legno altro non sono che scalpelli rotativi che andrebbero montati sulla fresatrice, macchinario in grado di garantire la lavorazione del legno a diversi strati. I taglienti sono capaci di consentire diverse operazioni su svariati tipi di legno, da quello più duttile a quello più coriaceo.

Le frese si adattano indistintamente sia alle fresatrici di tipo professionale che a quelle destinate agli hobbisti. Ma non solo. Esistono infatti anche le frese per rifilatori, elettroutensili adatti alle rifiniture e smussature, per una cura maggiore dei dettagli.

I set di frese per legno si trovano oramai in commercio, perciò chiunque può effettuarne l’acquisto senza preoccuparsi di costi eccessivi.

Chiaramente le frese per legno professionali si acquistano a un prezzo maggiorato, giacché andrebbero installate su fresatrici utilizzate da operatori esperti. I suddetti utensili inoltre necessitano di maggiore accortezza e manutenzione frequente.

Quali sono le principali tipologie di frese per il legno presenti in commercio?

La fresa per scavare il legno consente di realizzare numerosi progetti sia per hobby che per professione. Chiaramente per ogni operazione si dovrà disporre delle frese più adatte. Sarà necessario valutare la tipologia di legno sulla quale si andrà a intervenire e la fresatrice utilizzata per lo svolgimento dei lavori. Dopodiché si valuteranno le frese da impiegare.

In commercio se ne trovano principalmente tre, ovvero:

  • Frese per legno in acciaio.

Particolarmente adatte in presenza di legno morbido e privo di residui. Garantiscono una fresata precisa e sottile, senza sbavature.
In genere si montano sui trapani a colonna. Queste punte da fresa per legno sono sconsigliate quando si ha a che fare con superfici ostinate, poiché potrebbero frantumarsi.

  • Frese per legno in metallo.

In genere sono tra le più utilizzate dagli amanti del fai da te, giacché il loro prezzo risulta abbordabile. Sono particolarmente versatili, consentendo all’utente diverse lavorazioni su svariate superfici.

  • Frese per legno in diamante policristallino.

Tra le più costose presenti in commercio, sono destinate principalmente a macchinari di tipo industriale. Questi utensili sono in grado di garantire performance elevate.

Come effettuare la scelta dei taglienti per le frese da legno

Ogni fresa possiede un tagliente diverso, in grado di garantire operazioni nette e precise. La scelta del tagliente andrebbe effettuata con estrema attenzione.
In commercio sono presenti quattro tipologie principali di taglienti, note anche come punte da fresa per legno:

  • Taglienti a placca dritta.

Conosciute in gergo come frese dritte per legno. Possono essere utilizzate anche dagli hobbisti, dal momento che sono le più indicate per lavori standard.

  • Taglienti ad elica positiva.

Le frese che possiedono i taglienti ad elica positiva sono particolarmente adatte alla lavorazione del legno partendo dalla base.

  • Taglienti ad elica negativa.

I taglienti ad elica negativa si impiegano invece per la lavorazione del legno in superficie.

  • Taglienti a elica doppia (positiva e negativa)

Trattasi di taglienti estremamente versatili, visto che consentono di operare senza alcun tipo di problema su qualsiasi superficie.
In genere sono rivolti ai macchinari di tipo industriale.

Come si può evincere anche la scelta del tagliente è fondamentale per ottenere incisioni senza alcun intoppo.
Si raccomanda di acquistare i suddetti utensili presso rivenditori certificati, che siano in grado di guidare i potenziali acquirenti verso la scelta più adatta alle proprie esigenze.