Cos’è, come funziona e perché comprare un camino a Bioetanolo

Cos’è, come funziona e perché comprare un camino a Bioetanolo

Sempre più persone scelgono di puntare su un camino a bioetanolo (vedi quelli di Maisonfire). In effetti, un prodotto del genere può assicurare numerosi vantaggi a coloro che decidono di farne uso. Questo strumento può essere davvero interessante e può adattarsi a diversi modelli di case e abitazioni domestiche. Ma quali sono le caratteristiche di un camino a bioetanolo? Come funziona questo strumento e perché vale la pena comprarlo? Ecco tutto quello che occorre sapere a questo proposito, facendo una panoramica generale sull’argomento e cercando di analizzare tutti i dettagli.

Camino al bioetanolo: nello specifico

Come prima cosa, occorre comprendere di cosa si parla quando si pensa ad un camino a bioetanolo. In effetti, alcuni hanno sentito parlare di questi strumenti ma magari non hanno mai approfondito l’argomento. Altri invece, hanno deciso di non soffermarsi, ma ora forse sono incuriositi dall’argomento, visto che sta diventando una vera e propria moda possedere un modello del genere.

Ebbene, sono davvero tanti coloro che credono che un camino del genere sia un semplice strumento di arredo. Difatti, diverse persone pensano che questo camino non serva a riscaldare, ma soltanto a creare un favoloso effetto scenico per il design della casa. Nulla di più sbagliato! Un caminetto a bioetanolo funziona proprio come un camino classico. Attraverso il bioetanolo, un combustibile naturale, questo prodotto riesce a creare una fiamma e combattere quelle che sono le basse temperature tipiche della stagione invernale.

Dunque, un biocamino può essere considerato un camino a tutti gli effetti. Tuttavia, c’è un’importante differenza da prendere in considerazione. Difatti, un camino classico per essere installato deve possedere una canna fumaria. Non in tutte le case è possibile fare i lavori necessari per ottenere questo strumento. Si pensi ad esempio ai condomini, dove spesso non è permesso fare lavori di questo genere. Con un biocaminetto invece, questo problema non si pone. Dunque, chiunque può permettersi di ottenere un camino in casa potendo puntare su questo efficace strumento!

Camino al bioetanolo, pareri e opinioni

A questo punto, qualcuno potrebbe incuriosirsi e voler cominciare a sapere qualcosa in più in merito a questo strumento. Per questa ragione, occorre considerare quelle che sono le opinioni sui biocamini da parte degli esperti e soprattutto da parte delle persone che lo hanno già acquistato.

Ebbene, per quanto riguarda gli esperti, i pareri sono generalmente favorevoli. Un biocamino permette di sfruttare un piccolo spazio per ottenere uno strumento molto bello da vedere ma soprattutto utile. Come evidenziano i professionisti in questo campo, ci sono davvero tanti vantaggi nello scegliere un prodotto del genere. In primo luogo, un biocamino può essere installato in qualsiasi abitazione, come già accennato in precedenza. Oltre a ciò, occorre considerare anche la manutenzione che occorre avere per questo strumento.

Prima di analizzare questo aspetto, occorre fare una riflessione in merito alla manutenzione che occorre avere con un classico camino che utilizza il legno. Solitamente, questi strumenti sono difficili da pulire e inquinano l’aria di casa. Tuttavia, con un biocamino non bisognerà affatto preoccuparsi di ciò. Questo camino ha bisogno di pochissima manutenzione. Tutto quello che bisognerà fare di tanto in tanto, sarà pulirlo dalle incrostazioni accumulate nel corso del tempo. Dunque, anche coloro che vivono una vita frenetica e sono costretti ad essere sempre di corsa potranno prendersi cura di questo favoloso dispositivo.

Allo stesso tempo, il biocamino è davvero economico. Gli esperti evidenziano che la spesa da prevedere per far funzionare questo camino è davvero bassa. Questo perché il combustibile impiegato per creare il fuoco può essere acquistato a prezzi molto convenienti.

Che cosa dicono invece coloro che hanno già provato questo camino? Ebbene, le opinioni di chi ha già provato un prodotto del genere sono entusiasmanti. Chi ha potuto sperimentare i vantaggi e il funzionamento di questo strumento ora non può più farne a meno. Difatti, se usato con parsimonia, il biocamino può essere sfruttato per gran parte dell’anno, anche per circa 9 mesi. Insomma, chi acquista uno strumento simile non compra un semplice prodotto per l’arredamento, ma un vero e proprio alleato che sarà incredibilmente funzionale.

Come funziona il Biocamino

Come funziona il Biocamino?

Dopo aver considerato le opinioni degli esperti e cos’è un biocamino, occorre capire come funziona questo strumento. D’altronde, è già noto ormai che questo dispositivo non ha bisogno di una canna fumaria per riuscire a funzionare come un camino reale. In effetti, il funzionamento di questo prodotto è molto più semplice di quello che si pensa.

Come prima cosa, il camino deve essere installato in una parte della casa. Generalmente, viene installato in soggiorno, in modo che sia ben visibile per gli ospiti. Tuttavia, questa è una scelta puramente personale. Dopo averlo installato, tutto quello che occorre fare per farlo funzionare è utilizzare il bioetanolo. Questo è un combustibile naturale che viene realizzato con ingredienti come zucchero di canna oppure cereali.

Bisognerà usufruire di questo combustibile per poter dar vita alla fiamma e riuscire a far accendere il camino. A quel punto, la fiamma verrà alimentata a poco a poco, fin quando non si deciderà di spegnerla. Queste operazioni sono semplici da fare, chiunque può cimentarsi senza avere troppi problemi. Tuttavia, si ricorda che con un biocamino le fiamme sono reali. Dunque, è sempre bene prestare la giusta attenzione, così da evitare quelle che possono essere eventuali ustioni o scottature, specialmente quando si accende per la prima volta il dispositivo.

Il camino a bioetanolo fa cattivo orodore?

Questa domanda assale centinaia di persone. Sono molti coloro che da tempo si chiedono se questo strumento una volta acceso e alimentato puzza. A causa di questo dubbio, alcuni non hanno ancora deciso se procedere con l’acquisto di tale dispositivo oppure rimandare definitivamente.

La risposta a questa domanda è ovvia: il camino a bioetanolo NON puzza. Difatti, è impossibile avvertire odori nauseabondi quando viene utilizzato questo strumento. Occorre ricordare che questo camino non utilizza legna. Il legno non viene bruciato, dunque non viene prodotta la puzza di bruciata associata tipicamente ai camini standard. Allo stesso tempo, occorre considerare il fattore fumo.

Un biocamino non emetterà alcun genere di fumo durante il suo funzionamento. Proprio per questa ragione, non necessita di una canna fumaria! Ma quindi, un camino del genere non produce alcun odore? In effetti, ad essere onesti, in particolari momenti è possibile avvertire un odore dolciastro utilizzando questo strumento. Nella fattispecie, al momento dell’accensione e dello spegnimento del camino, sarà possibile avvertire un odore dolce e leggermente pungente. Questo è dovuto al bioetanolo che come detto in precedenza è realizzato con elementi naturali, come zucchero di canna e cereali. Ad ogni modo, l’odore non sarà fastidioso, anzi quasi piacevole e si avvertirà leggermente.

Dal momento che non puzza, un camino al bioetanolo rende l’aria dell’ambiente domestico respirabile e non la inquina. Per questa ragione, si potrà utilizzare tale strumento anche per diverso tempo, senza spegnerlo.

Ma che dire se si dovesse avvertire lo stesso una puzza utilizzando un camino del genere? In tal caso, non è il dispositivo ad emanarla. Molto probabilmente, la colpa è da attribuire alla scarsa qualità del bioetanolo. Onde evitare un problema del genere, è bene affidarsi sempre a quelli che sono i marchi specializzati nella vendita di questo combustibile, non puntando su prodotti che sembrano economici ma che vengono prodotti da brand semi-sconosciuti.

Quanto riscalda il biocamino?

A questo punto, occorre dare risposta ad un’altra domanda. Difatti, tra tutti coloro che stanno pensando di acquistare un biocamino, sono davvero molti coloro che pensano che il fuoco prodotto da questo prodotto sia solo un effetto scenico. Per questo, alcuni hanno il dubbio se questo biocamino riesca a riscaldare oppure svolga il semplice ruolo di oggetto di arredamento complementare al solo design.

Ebbene, bisogna sapere che il biocamino riscalda. Tuttavia, occorre fare alcune precisazioni. Questo strumento riesce a riscaldare un’intera stanza di piccole o medie dimensioni. Difatti, è possibile utilizzarlo con successo i monolocali o in case non molto grandi. Tuttavia, non è lecito aspettarsi che questo prodotto riesca a riscaldare tutta la stanza. Si tratta pur sempre di un elemento di dimensioni contenute, capace di esercitare calore a stretto raggio. Ad ogni modo, questo biocamino aiuterà a superare le basse temperature della stagione invernale.

Anzi, può essere un utile alleato anche nelle case più grandi. In che senso? In tal caso, dovrebbe essere usato come fonte aggiuntiva di calore. Dunque, se legato ad un’altra fonte di calore, permette di avere un clima piacevole in casa, senza dover spendere tanto dal punto di vista economico.

Ricapitolando quindi, il biocamino riscalda davvero ma il suo raggio è limitato e riesce a donare calore solo a coloro che sono all’interno di una piccola stanza.

Camini a bioetanolo: vendita diretta

Ci sono davvero tante aziende e brand che si occupano della vendita diretta dei camini a bioetanolo. Questo perché come detto in precedenza, questi prodotti stanno andando a ruba. I marchi che operano sul mercato permettono ai clienti di ottenere ciò che vogliono a prezzi differenti.

Tuttavia, qualcuno potrebbe chiedersi a chi occorre affidarsi per riuscire ad acquistare un camino di ottima qualità. Ebbene, quando occorre comprare questo prodotto occorre valutare diversi fattori in merito al brand da scegliere. Come primo aspetto, non bisogna soltanto soffermarsi sul prezzo. Qualcuno potrebbe essere allettato da biocamini estremamente economici. Tuttavia, non bisogna scegliere affrettatamente.

Una scelta azzardata basata solo sul valore economico può portare a risultati disastrosi. Piuttosto, per fare una scelta saggia, bisogna valutare nel complesso il rapporto qualità/prezzo dell’articolo. Ancora, è appropriato scegliere quei brand che operano da anni nel settore. Perché? Perché in questo caso si possono avere maggiori garanzie in merito alla qualità del prodotto che si sta acquistando. In più, scegliendo un camino a bioetanolo rilasciato da un brand riconosciuto, si potranno ottenere maggiori garanzie anche dal punto di vista dell’assistenza.

Difatti, sarà più probabile trovare tecnici abilitati capaci di donare una mano ai clienti. Il modus operandi deve essere chiaro quindi: quando si pensa di acquistare un caminetto a bioetanolo bisogna sempre puntare su un marchio di esperienza, su professionisti del settore. I risultati saranno incredibilmente soddisfacenti.

Camino al bioetanolo quali tipi si trovano

Camino al bioetanolo: quali tipi si trovano?

Sul mercato ci sono svariati tipi di camini al bioetanolo. Non a caso, questi prodotti si adattano a tutte le esigenze di coloro che hanno una casa di dimensioni differenti. Ad ogni modo, ci sono alcuni modelli più gettonati che occorre prendere in considerazione.

Ad esempio, ci sono i camini a incasso. Questi ultimi vengono installati in modo rapido all’interno della propria casa, venendo montati in una struttura apposita. Possono anche essere inseriti in una parete ed in tal caso verranno chiamati biocamini a parete. I biocamini a incasso inizialmente possono dare l’impressione di essere quadri. Sono molto eleganti e per questa ragione vengono consigliati a coloro che non solo vogliono avere un prodotto utile ma anche bello da vedere.

Inoltre, ci sono anche quelli che vengono menzionati i biocamini a semi-incasso. Questi ultimi possono essere installati in quei luoghi dove lo spazio è poco. Difatti, la profondità necessaria per installare questi prodotti deve essere davvero poca. Facendo quest’operazione, si potrà ottenere il proprio camino a bioetanolo grazie a semplici e pochi passaggi sviluppati dai professionisti in questo campo. Molto interessanti anche i camini da pavimento. Esatto, come si può intuire, questi prodotti vengono inseriti tra le mattonelle del proprio pavimento e permettono di riscaldare una stanza dell’ambiente domestico.

Infine, occorre prendere in considerazione i camini a isola. Tali dispositivi possiedono delle ruote e possono essere trasportati ovunque si desideri. Dunque, è possibile averli sempre con sé così da riscaldarsi ed utilizzarli in modo rapido, sostenibile ed economico.

Camino al bioetanolo: quali sono i rischi

Ci sono anche alcuni rischi che occorre prendere in considerazione quando si parla di camini al bioetanolo. Difatti, questi prodotti utilizzano comunque il fuoco, e quando si parla di questo elemento occorre fare determinate precisazioni. In linea di massima i camini non sono pericolosi. Tuttavia, in determinate circostanze possono diventarlo. Ad esempio, questi camini possono essere pericolosi per chi ha animali domestici in casa.

Difatti, il proprio cane e il proprio gatto potrebbero essere attratti dal calore emanato da questo prodotto. Non riconoscendolo come pericolo, potrebbero avvicinarsi troppo e rimanere ustionati. Anche il loro pelo potrebbe bruciarsi, rovinando il loro aspetto estetico.

Lo stesso potrebbe accadere con i bambini piccoli che potrebbero immaginare il camino come un giocattolo affascinante grazie alle sue belle fiamme. Dunque, è sempre bene avere il biocamino a portata di mano nel caso si presentino le condizioni appena descritte. Anzi, nel caso in cui non si stesse utilizzando il biocamino, allora è sempre opportuno spegnerlo, onde evitare che bambini o animali facciano guai. Infine, è appropriato che questo strumento sia solido e robusto difficile da rovesciare.

Quali sono i vantaggi del camino al bioetanolo

I vantaggi del camino al bioetanolo sono davvero tanti. Per ricordarli tutti bisogna ricapitolarli. In primo luogo, questi prodotti riescono a creare del vero calore, riscaldando quelli che sono ambienti di medie piccole dimensioni. Ancora, questi dispositivi sono semplici da pulire. La loro manutenzione è minima e chiunque può portarla avanti senza avvertire problemi di alcun genere.

Che dire invece di puzze o fumo? Con il camino al bioetanolo non si dovrà temere questo problema. Il camino non rilascia puzze di alcun genere, ma al massimo solo un odore dolciastro e piacevole. Anche dal punto economico, sarà possibile utilizzare questo strumento senza dover spendere un patrimonio in combustibile.

Inoltre, questo camino può essere utilizzato in qualsiasi casa, dal momento che si può acquistare in forme e modelli diversi tra loro.

In ultima analisi, vale sempre la pena comprare un camino al bioetanolo, quindi occorre davvero prendere in considerazione l’idea di assicurarsi un prodotto del genere.