Ideare casa

Come scegliere il materasso

Scegliere bene il materasso è fondamentale per il riposo notturno. Ecco alcuni consigli su come prevenire il mal di schiena oppure le allergie da acaro.

Sapete quanto è importante la scelta del materasso? Dovete sapere che la ricerca del benessere psico-fisico è oggi una delle necessità più sentite. Tra le caratteristiche indispensabili per una buona qualità della vita vi è sicuramente il bisogno di riposare in modo sano e confortevole.  Dormendo diverse ore a notte in modo sereno e rilassato.

Il semplice sonno, infatti, non basta di per sé ad acquisire un benessere completo: per raggiungerlo è necessario un riposo prolungato e ristoratore, ottenibile grazie ad alcuni accorgimenti.

Consigli pratici per dormire bene

Per favorire un riposo profondo è necessario seguire alcune regole fondamentali. Può essere utile, infatti, dedicarsi ad un’attività rilassante come la lettura di un buon libro, rispettare degli orari regolari per coricarsi e per alzarsi.

Mantenere una temperatura ideale tra i 18 e 20 gradi nella stanza in cui si dorme, fare una cena leggera e non assumere sostanze stimolanti come la cioccolata, il caffè e l’alcol.

A ogni letto il suo materasso

Il letto solitamente si sceglie in base a un istinto estetico, ma il materasso è più “scientifico”. E se è vero che quelli di qualità costano un pò di più, però ti garantiscono un sano sonno personalizzato e la durata (10-15 anni almeno), vuol dire risparmio!

A prima vista i materassi possono sembrare tutti uguali: per capire le differenze e valutare le proprietà dei diversi modelli, è opportuno rivolgersi a un rivendicatore specializzato. Ecco quali sono gli aspetti più importanti da considerare per fare un buon acquisto.

  • Peso e statura della persona che deve usare il materasso sono il punto di partenza per stabilire il grado di rigidità più adeguato.
  • Il materiale: per scegliere il più adatto, considerare eventuali allergie, oltre al tipo di sudorazione, più o meno abbondante. Valutare anche temperatura e umidità della stanza.
  • Tipo di utilizzo. Se il materasso deve servire per il letto della seconda casa o per una rete d’emergenza, si può sceglierlo anche di altezza e peso inferiore perché se ne prevede un uso limitato.
  • Il letto. Dalla sua struttura e dal tipo di rete dipendono altezza e lunghezza del materasso.
  • Durata. Tutt i materassi per legge, devono essere un anno di garanzia. Per quelli a molle alcune aziende offrono garanzie di 8-12 anni.

Il materasso influisce, almeno in parte, sulla qualità del sonno e sul benessere di chi lo utilizza. Ecco le risposte ad alcuni dei dubbi più frequenti al momento dell’acquisto.

In base a quali elementi varia il prezzo?

Per quanto riguarda i modelli a molle, sono migliori, e quindi più costosi, quelli con un numero elevato di molle tra loro indipendenti. Quelli in lattice costano di più quando lo strato interno è più alto. Il prezzo dipende però anche dall’imbottitura: sul lato invernale, pelo di cammello e lana vergine sono i materiali più pregiati; su quello estivo, lino e puro cotone.

Il rivestimento più costoso è con cotone doppio ritorto, molto resistente; più economico in poliestere o viscosa.

Come acquistare il più comodo?

Alcuni punti vendita hanno un’area prova dove si possono testare le caratteristiche del materasso e verificarne la durezza. Conviene stendersi per almeno 10 minuti, possibilmente nella posizione in cui di solito si dorme. Per cogliere le differenze, provare alternativamente almeno 3-4 modelli.

Qui trovi una selezione dei migliori modelli di materassi Imaflex, forse può essere utile per iniziare la ricerca del materasso giusto per te.

Quale rete abbinare?

Quelle metalliche sono quasi scomparse. Sempre più diffuse invece le doghe in legno di faggio che, per un buon sostegno, devono avere almeno 12 listelli. Alcuni modelli hanno meccanismi alzatesta e alzapiedi per garantire un maggior comfort. Controllare che siano robusti, silenziosi e pratici da azionare.

Nel letto matrimoniale, meglio un materasso doppio o due singoli?

Se c’è una notevole differenza di peso (10-15 kg) tra le persone che dormono nello stesso letto, è preferibile scegliere due singoli, che risultano anche più comodi da girare.

La rigidità è adeguata?

Il materasso deve essere ergonomico, assecondare cioè la linea della struttura corporea di chi lo utilizza. Serve un modello più rigido per le persone robuste, più morbido per le altre. In molti casi, la struttura è composta da zone differenziate che offrono sostegni diversi alle parti del corpo.

Il materasso è troppo morbido quando, sdraiandosi, non si riesce a rotolare facilmente da una parte all’altra; oppure quando, stando su un fianco, si tende a sprofondare. E’ troppo duro quello in cui, in posizione supina, si riesce a passare una mano sotto la schiena all’altezza della regione lombare: un letto così affatica la schiena, le anche e le spalle.

Quale tipo è più adatto per la traspirazione?

Sono indicati soprattutto i materassi a molle. Se si sceglie un materiale sintentico, assicurarsi che sia traspirante e igroscopico, che favorisca cioè l’evaporazione dell’umidità. Il waterlily, per esempio, grazie alla sua struttura a cellule aperte, garantisce il passaggio dell’aria, assorbe il calore e l’umidità del corpo e permette di mantenere la temperatura ideale.

Ogni quanto va cambiato il materasso?

Il materasso a molle va sostituito dopo 10-12 anni, quello in lattice invece dopo 8-10 anni.

ilaria

Ciao, sono Ilaria e ho lanciato Ideare-Casa.com nel 2008 come un piccolo blog di interior design, dopo essere diventata mamma di una bellissima bambina. Ho aperto il blog per documentare la mia passione sul design, segnalare prodotti e raggiungere le persone che hanno la mia stessa passione per l'arredo di interni.

Your Header Sidebar area is currently empty. Hurry up and add some widgets.

Privacy Policy