Ideare casa
Home » Consigli per la casa » Alcuni pratici consigli per la manutenzione di un tappeto

Alcuni pratici consigli per la manutenzione di un tappeto

Esistono alcune buone pratiche di manutenzione che possono consentire al vostro tappeto di mantenersi bello nel tempo, evitando problemi di sporco ed usura che potrebbero seriamente danneggiarlo e fargli perdere bellezza ed eleganza.
Tra le tante cose che si possono suggerire è bene partire da una delle più importanti, che riguarda la pulizia ordinaria. Sappiate che è bene evitare l’utilizzo del battitappeto, poiché potrebbe danneggiare la trama e l’ordito. Un impatto così violento sulle fibre arrecherebbe infatti al vostro tappeto più nocumento che vantaggi.

Esiste piuttosto un altro strumento che è preferibile utilizzare e che non danneggia le fibre: l’aspirapolvere.
E’ sufficiente infatti usarlo con delicatezza per rimuovere tutta la polvere e lo sporco che si sono depositati sul vello.
La frequenza di aspirazione varia in base alla posizione del tappeto all’interno della casa, perché la sua collocazione all’interno di una stanza di passaggio lo rende più soggetto a sporcarsi.

Ogni due anni sarebbe poi consigliabile un lavaggio presso una lavanderia specializzata, ma l’opportunità di rivolgersi più o meno frequentemente a queste strutture andrebbe verificata caso per caso.
Nel primo periodo dopo l’acquisto può essere normale che si formi un sottile strato di lanugine sul vello del tappeto, ma questo è dovuto semplicemente ai residui della lavorazione, che col tempo verranno completamente eliminati ed il vello tornerà bello come prima. Per limitare questo piccolo e temporaneo disagio è possibile utilizzare con più frequenza l’aspirapolvere.
Bisogna inoltre fare attenzione ai fili che potrebbero uscire dal tappeto: non si devono mai tirare, perché si rischierebbe di rovinarle irreparabilmente. E’ preferibile piuttosto tagliarli o rivolgersi a qualche esperto che possa riparare il tappeto, nel caso in cui si reputi necessario un intervento più specifico.

Altra pratica corretta è quella di utilizzare il sottotappeto, che oltre a garantire una maggior sicurezza contro gli spostamenti dello stesso, vi faciliterà la fase di pulizia con l’aspirapolvere, mantenendolo maggiormente ancorato al suolo. Inoltre servirà come utile protezione, diminuendo l’usura che si manifesta nello strato sottostante, che rimane a contatto con il pavimento.
Altro accorgimento importante riguarda eventuali mobili o complementi d’arredo che potreste aver appoggiato sopra al tappeto. Un esempio classico potrebbe essere dato dai divani o dai poggiapiedi.
In questi casi – se ci si trovasse nella necessità di spostare il mobile – si dovrebbe porre grande attenzione e sollevarlo e riposizionarlo a piacere, avendo cura di non trascinarlo mai sopra al tappeto, per evitare di rovinare la fibra del vello e per non sporcarlo.

Altre informazioni potete trovarli in www.webtappeti.it.

2 comments