Vasca idromassaggio fai-da-te

Nonostante la vasta scelta di vasche idromassaggio presenti sul mercato, non sempre si riesce a risolvere il problema di adattare un modello standard al proprio bagno, o semplicemente si desidera avere un prodotto ‘su misura’, unico. Sta quindi emergendo sempre più la richiesta di kit idromassaggio per realizzare impianti fai-da-te, chiaramente con tutte le istruzioni del caso, consulenza tecnica e progettazione specifica.

Oggi per le vasche idromassaggio vengono realizzate con diverse tecniche in funzione dei costi e del livello qualitativo che si desidera avere. Le tipologie principali sono:

  • le vasche in vetroresina, costruite con la stessa tecnica del gel-coat utilizzata per le imbarcazioni. Tale tipo di vasche saranno sempre riparabili e lucidabili anche dopo anni, sono solitamente molto più resistenti ma costano un poco di più.
  • le vasche in acrilico o PMMA termoformato rinforzato, costituite da una lastra di metacrilato. Questa viene termoformata e quindi rinforzata con vetroresina spruzzata, per creare uno strato di supporto meccanicamente resistente al carico che dovrà sopportare. Tali vasche sono molto economiche ma difficilmente riparabili in caso di rottura.
  • le vasche in muratura, che vengono create su disegno e desiderio del cliente e successivamente rifinite con mosaici o finiture speciali. Possono essere in muratura tradizionale o in espansi tecnici preventivamente formati. Il costo principale è dovuto alla manodopera per il montaggio degli impianti e per le finiture superficiali.
  • Definita la vasca, occorre determinare il tipo di impianto idromassaggio da installare. Difatti le vasche idromassaggio possono essenzialmente essere suddivise in tre tipologie in base al sistema adottato: whirlpool (getto d’acqua e aria); airpool (getto d’aria); combinato.
  • Il sistema whirlpool, il più diffuso, consiste in un insieme di bocchette idromassaggio, in cui un getto d’acqua attraverso la bocchetta genera una depressione creando un mix aria-acqua. Il kit tradizionale comprende 6/8 bocchette, una pompa da 0,75 o 1 Hp, tubi e raccordi vari. L’azionamento della pompa può avvenire con pulsante pneumatico o centralina elettronica dotata di sensore livello acqua; con la centralina è possibile anche monitorare la temperatura dell’acqua nella vasca e impostare la durata del ciclo idromassaggio.
  • Il sistema airpool si basa sull’erogazione, tramite piccoli ugelli posti sul fondo della vasca, di bollicine d’aria che generano un piacevole effetto massaggiante. Tale sistema si avvicina molto a quanto avviene nelle vasche termali, dove per via naturale il vapore gorgoglia dal fondo. L’impianto classico comprende 12 getti airpool, una soffiante, tubi e raccordi vari. L’azionamento della soffiante può avvenire con pulsante pneumatico o centralina elettronica dotata di sensore livello acqua; con la centralina è possibile anche modulare l’intensità del getto airpool e impostare un gradevole ‘effetto onda’.
  • Il sistema combinato prevede entrambe le tipologie di idromassaggio e può essere arricchito con ulteriori dotazioni. Tra le principali segnaliamo: il kit disinfezione, i faretti (monocromatici o cromoterapia), l’ozonatore e il riscaldatore (per mantenere costante la temperatura dell’acqua).

Scelta la tipologia di vasca che si desidera realizzare, si passa alla realizzazione. I componenti per assemblare una vasca idromassaggio sono facilmente reperibili e i sistemi di montaggio sono semplici da installare, rapidi e autodrenanti. L’unica difficoltà è la foratura della vasca. Tuttavia, seguendo le istruzioni di montaggio, si riesce in una giornata di lavoro a realizzare la propria vasca idromassaggio.

La Blue Magic srl, produttore italiano di componenti e già fornitore di primarie aziende del settore, è in grado di predisporre tutto il materiale necessario per il montaggio della vasca idromassaggio. Sul sito Bluemagic.it è possibile scaricare il catalogo, che comprende sia la lista componenti che esempi di kit; avere accesso all’area riservata, per visionare i disegni tecnici e le istruzioni delle centraline elettroniche; trovare i contatti in azienda per richiedere la consulenza tecnica e l’invio di un preventivo gratuito.